Cerca nelle notizie storiche da "La Tua Voce"

in
Iscriviti alla newsletter





 

+ 1310
GIORNI DALL'ALBA
DELL'
AEROPORTO
(che non c'è)


 
Mappe, Guide, Planisferi, Globi, Atlanti


Area riservata
Iscrizione

Cerca negli annunci

in

LATUAVOCE.IT
Fondato nel 2007

Direttore Responsabile:
Michele Bonatesta
Amministratore:
Bruno Moneta

emm&bi editrice s.r.l.
Sede Legale: Via Saragat, 8
01100 - Viterbo
Partita Iva: 01882840562
Tel./Fax: 0761/270163


Autorizzazione Tribunale di Viterbo
Reg. St. n. 4/07 del 10/04/2007


Capitale sociale 10.000,00 i.v.
Iscrizione al Registro delle Imprese
di Viterbo nr. 01882840562


Contatti:
Redazione:
redazione@latuavoce.it
Amministrazione:
amministrazione@latuavoce.it
Pubblicità:
Tel. 338-6272596


Il Copyleft è consentito solamente
con la citazione della fonte
e dell'eventuale autore dell'articolo

 

La tua voce - Il quotidiano on line di Viterbo

   ANNO  V  n°2662    Lunedì 1 Settembre 2014

ULTIME NOTIZIE:   -   IL METEO DI VITERBO

L'INCREMENTO DEL TURISMO NELLA TUSCIA
PASSA (anche) DALLA VIA FRANCIGENA


L’altro giorno, chiunque si fosse trovato a passare verso le 17 su strada Bagni, avrebbe incontrato un curioso corteo diretto verso il Ponte Camillario, al tratto viterbese della Via Francigena.

Incuranti della canicola, il Commissario europeo Tajani, il Sindaco Marini, il presidente della Provincia Meroi, il consigliere regionale Battistoni, l’assessore comunale Arena con i consiglieri Ubertini e Porciani, alcuni rappresentanti della delegazione europea e numerosi altri, tra cui una rappresentanza in costume da soldato e da pellegrino della Francigena medievali ( coraggioso Massimiliano Vinci, esperto della via sacra, che indossava un costume particolarmente pesante) si sono ritrovati prima a Porta di Valle, accesso di un tempo dei pellegrini della via Francigena alla città, ora completamente recuperata .



Poi, è iniziato il cammino verso il Ponte Camillario, tra le esclamazioni affascinate dei non viterbesi . A metà strada, il commissario Tajani ha illustrato il documento con cui dall’Europa intende far partire il rilancio di un turismo che non sia più soltanto nazionale, ma sia valore aggiunto importante per tutti gli Stati membri. Una industria del turismo europeo, insomma, che costituisca elemento chiave per la crescita di tutta l’UE.

Nel documento, ampio spazio viene dato alle vie sacre d’Europa, in particolare alla Francigena: “E’ un tipo di turismo completo, quello che si svolge lungo la vie sacre. Religioso, certo, ma anche un viaggio dentro noi stessi, con tempi ben diversi da quelli del nostro operare di ogni giorno; all’insegna del benessere, perché camminare fa bene, per la conoscenza di altre culturale e tradizioni; in più, per vivere ambienti naturali straordinari.

Un turismo, infine che appartiene e rappresenta radici comuni a tutti i Paesi europei in esso coinvolti. Con la delega al turismo, che mi è stata conferita, voglio dare nuovo impulso ,non solo a questo ma a tutte le tipologie di turismo, favorendo l’accesso di finanziamenti, incrementando l’innovazione e la modernizzazione dell’attività turistica, facendo del turismo un elemento trainante della crescita economica europea.

Nell’ambito delle azioni, creeremo anche un marchio europeo dedicato. In questo contesto, la Regione Veneto si è già proposta per lavorare con noi ad un progetto pilota in merito.

Oggi, il sindaco Marini e il presidente Meroi hanno dato il loro ok affinché anche Viterbo e il suo territorio siano città e provincia pilota di questo progetto”

Con soddisfazione ed entusiasmo , il sindaco Marini : “lo avevo detto che queste ore in compagnia di Tajani e del suo staff di esperti sarebbero state importanti per noi, e così è stato. Operare nella valorizzazione di una città e di un territorio tanto ricchi di potenzialità, anche con il concreto supporto dell’Europa, ci incoraggia a proseguire presto e bene. Vorrei sottolineare ulteriormente la bontà di questa visita: in poche ore, ci siamo occupati praticamente di tutti i settori che possono e devono crescere nel territorio viterbese”

“Giudico molto positivamente questa iniziativa che ci ha portato qui oggi sulla Via Francigena – è il commento del presidente della Provincia di Viterbo, Marcello Meroi -, soprattutto per due motivi. In primo luogo perché ancora una volta il vice presidente della Commissione europea Antonio Tajani porta Viterbo e la Tuscia in Europa con progetti di altissimo livello e di ampio respiro per lo sviluppo turistico del nostro territorio.



E, in seconda battuta, perché il progetto pilota riguardante la Via Francigena coinvolge gli enti locali, Comune di Viterbo e Provincia, nel rilancio di un programma complessivo che coniugherà le caratteristiche della nostra terra con il mondo, più ampio, del turismo in chiave europea.

Sarà cura della Provincia di Viterbo premurarsi di studiare una serie di interventi da attuare con la collaborazione dei Comuni interessati dal passaggio dello storico cammino”.

Soddisfatto dell’iniziativa anche il consigliere regionale Francesco Battistoni, ex sindaco di Proceno, il primo comune della Tuscia attraverso cui passa la Via Francigena. “L’idea di turismo a 360° proposta dal commissario Tajani – dichiara -, da sempre vicino alla Tuscia, si sposa perfettamente con questa terra.

La promozione della Via Francigena è stata per anni uno dei miei ‘cavalli di battaglia’, tanto da far approvare in consiglio regionale un progetto pilota per la sicurezza del primo tratto che comprende i territori di Proceno, San Lorenzo Nuovo, Acquapendente e Grotte di Castro.

Per me che sono stato sindaco di Proceno, è davvero una grande soddisfazione pensare ad un’iniziativa europea che dia sempre maggior risalto a quel patrimonio storico, religioso e culturale che arricchisce la Tuscia”.

14 luglio 2010



Ingrandisci foto

 

 
 
Piergentili srl
 
 Personal bus
 

P.I. 01882840562 - Privacy
Le foto presenti su "latuavoce.it" sono state in larga parte prese da Internet,e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail redazione@latuavoce.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.