Cerca nelle notizie storiche da "La Tua Voce"

in
Iscriviti alla newsletter





 

+ 1280
GIORNI DALL'ALBA
DELL'
AEROPORTO
(che non c'è)


 
Mappe, Guide, Planisferi, Globi, Atlanti


Area riservata
Iscrizione

Cerca negli annunci

in

LATUAVOCE.IT
Fondato nel 2007

Direttore Responsabile:
Michele Bonatesta
Amministratore:
Bruno Moneta

emm&bi editrice s.r.l.
Sede Legale: Via Saragat, 8
01100 - Viterbo
Partita Iva: 01882840562
Tel./Fax: 0761/270163


Autorizzazione Tribunale di Viterbo
Reg. St. n. 4/07 del 10/04/2007


Capitale sociale 10.000,00 i.v.
Iscrizione al Registro delle Imprese
di Viterbo nr. 01882840562


Contatti:
Redazione:
redazione@latuavoce.it
Amministrazione:
amministrazione@latuavoce.it
Pubblicità:
Tel. 338-6272596


Il Copyleft è consentito solamente
con la citazione della fonte
e dell'eventuale autore dell'articolo

 

La tua voce - Il quotidiano on line di Viterbo

   ANNO  V  n°2632    Sabato 2 Agosto 2014

ULTIME NOTIZIE:   -   IL METEO DI VITERBO

" TROPPA VITAMINA C FA MALE
CAUSA TUMORI ". E' POLEMICA


ORE 18:00

Da affaritaliani.it


Contrordine salute: troppe vitamine fanno male. "Rischio cancro"

Un pediatra americano minimizza i vantaggi degli integratori alimentari con effetti antiossidanti come le vitamine C ed E."La loro assunzione in dosi massicce può anche aumentare il rischio di cancro". IL DIBATTITO

Duro colpo per la vitamina C, ma anche per sua "sorella", la vitamina E. La rivista "The Atlantic" ha pubblicato un articolo di un pediatra americano specializzato in malattie infettive, Paul Offit, che giudica inutile o addirittura dannosa l'assunzione di vitamine diverse da quelle naturalmente presenti negli alimenti.

Pochi sanno che il fascino che queste sostanze esercitano su di noi è dovuto a Linus Pauling, che si è aggiudicato sia il Premio Nobel per la Chimica (1954) e il Premio Nobel per la Pace (1962). Per Offit è "il più grande ciarlatano del mondo".

Intorno all'età di 65 anni scopre il concetto di cure con dosi elevate di vitamina C e comincia a inghiottire diversi grammi al giorno per la prevenzione del raffreddore. Convinto che il trattamento sia efficace, scrive un libro dal titolo "La vitamina C contro il raffreddore" (1970). Il libro è un successo e gli americani si affrettano a ingurgitare vitamina C.

Da allora, vari studi hanno dimostrato l'inefficacia della vitamina C nel prevenire raffreddori. Paolo Offit ricorda che presso l'Università di ricercatori del Maryland sono stati somministrati 3.000 milligrammi di vitamina al giorno a undici volontari e una pillola di zucchero ad altri dieci volontari per tre settimane. Poi hanno iniettato a tutti il virus del raffreddore e tutti sono stati infettati allo stesso modo. Studi simili condotti a Toronto e nei Paesi Bassi, dando gli stessi risultati. Secondo Paul Offit, "almeno quindici studi hanno dimostrato che la vitamina C non cura il raffreddore comune. Di conseguenza, né la FDA né l'American Academy of Pediatrics né l'American Medical Association consigliano un supplemento di vitamina C nella prevenzione o nel trattamento del raffreddore.

E non è tutto. Linus Pauling pensava anche che la vitamina C, in combinazione con dosi massicce di vitamina A ed E, selenio e beta-carotene, potrebbe curare la maggior parte delle malattie conosciute (come le malattie cardiache e la malattia mentale, l'epatite, il diabete, l'artrite). Non senza ironia, Paul Offit osserva che quando il virus dell'AIDS si è diffuso negli Stati Uniti nel 1970, il premio Nobel si è affrettato a dire che la vitamina C avrebbe potuto combattere anche questo.

Per Linus Pauling tutto ruotava intorno alla parola "antiossidante". Ma Paolo Offit dice: "Se frutta e verdura contengono antiossidanti e se le persone che mangiano un sacco di frutta e verdura sono più sane, chi prende integratori di antiossidanti dovrebbe avere una salute ancora migliore. In realtà, essi sono meno sani".

Già nel 2011, uno studio americano era andato nella stessa direzione rivelando "un aumento del 17% del rischio di cancro alla prostata negli uomini che assumevano la vitamina E ad alte dosi". Lo stesso anno uno studio condotto sule donne ha mostrato che i multivitaminici non hanno avuto alcun effetto benefico sul corpo e anzi hanno aumentato leggermente il rischio di morte.

Offit conclude il suo articolo ricordando le circostanze della morte di Pauling e sua moglie. "Nel maggio del 1980, durante un'intervista con la Oregon State University, a Linus Pauling è stato chiesto: la vitamina C non ha alcun effetto collaterale a lungo termine dire?

La risposta di Pauling fu veloce e decisa: no''. Sette mesi più tardi la moglie moriva di cancro allo stomaco. Nel 1994, Linus Pauling è morto di cancro alla prostata.



26 luglio 2013



Ingrandisci foto

 

 
 
Piergentili srl
 
 Personal bus
 

P.I. 01882840562 - Privacy
Le foto presenti su "latuavoce.it" sono state in larga parte prese da Internet,e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione - indirizzo e-mail redazione@latuavoce.it che provvederà prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.